Un matrimonio incantevole nel verde della Liguria
30 Aprile 2015
Come salvare l’onore dell’acciuga (e la frittura)
28 Maggio 2015

In arrivo la quarta edizione del Premio Rebora: tante novità in un anno davvero speciale!

Sul finire del 2011 noi di Manuelina abbiamo avuto l’onore di istituire un premio letterario in memoria di Giovanni Rebora. Chi era presente alla soirée finale della prima edizione, nel marzo 2012, ricorda ancora l’emozione e la gratitudine per la figura del compianto Professù, straordinario docente, studioso e appassionato di storia, alimentazione, animali, piante e persone (non necessariamente in questo ordine).

Perché la quarta edizione del Premio – appuntamento ormai irrinunciabile nell’agenda del gastrobibliofilo – si preannuncia speciale?

Perché la giuria, presieduta dal professor Massimo Montanari dell’Università di Bologna, quest’anno ha deliberato di celebrare l’eccezionale percorso umano e culturale di Carlìn Petrini con il Premio alla Carriera 2015.

Perché il 2015 è l’anno dell’Expo universale di Milano, un evento di portata mondiale dedicato al tema “Nutrire il pianeta, Energia per la vita”. Impossibile descrivere qui l’Expo. Tuttavia, se vi capiterà fate caso alla mascotte, Foody: rivisitazione dell’estro di Arcimboldo, rappresenta la comunità, la diversità e il cibo, confusi nella loro più intima relazione: il cibo siamo noi.

E perché anche noi, noi di Manuelina, abbiamo ritenuto di fare la nostra parte, nutrendo di… autentica focaccia col formaggio (e non solo) la cittadinanza meneghina: dal 3 dicembre presso la Rinascente di piazza Duomo è attiva la Focacceria Manuelina, e proprio qui si terrà la premiazione del concorso Una Ricetta per la Biodiversità, una novità del Premio Rebora 2015 dedicata al meraviglioso mondo dei food blogger. Anche per i nostri amici lombardi dunque c’è speranza. Magari non andate a riferirgli uno dei tanti pensieri fulminanti di Rebora:

“Io non ho ragione di essere “fiero” di essere ligure, i miei genitori mi sono capitati per caso e anche il luogo di nascita, ma non è una questione di orgoglio o di fierezza, è che sono felice di esserlo, mi sento ligure e sono contento di abitare qui, in mezzo a questa gente piena di difetti…”

Dulcis in fundo, perché ci stiamo avviando a celebrare i 130 anni di attività di Manuelina
Insomma tanti motivi speciali che faranno della serata finale del Premio – martedì 16 giugno a Ristorante Manuelina di Recco– una lunga indimenticabile emozione.


 

Giovanni Rebora (Ge-Sampierdarena 1932 – 2007), a lungo docente di Storia dell’Economia all’Università di Genova, autore tra l’altro del fortunatissimo La civiltà della forchetta (Laterza).
Visitate il sito www.premiogiovannirebora.it